Consorzio Asiago Asiago DOP in terza età: un valido aiuto contro l’osteoporosi

Tra i vantaggi che derivano dall’inserimento del formaggio Asiago nella propria dieta c’è senza dubbio l’importante apporto di calcio, fondamentale soprattutto durante la terza età, quando aumenta il rischio di osteoporosi.

 

Il formaggio Asiago è un’ottima fonte di calcio, in entrambe le stagionature.

 

L’osteoporosi è una malattia degenerativa delle ossa, caratterizzata da una progressiva riduzione del tessuto osseo. È una delle malattie più frequenti tra quelle che si presentano durante la terza età.

 

Ci sono diversi fattori, sia nutrizionali che ambientali, in grado di aumentare il rischio di osteoporosi, come ad esempio:

Se, dunque, una dieta troppo ricca di proteine (come quella tipica dei Paesi industrializzati) aumenta il rischio di osteoporosi, una dieta basata sui vegetali (come la nostra dieta mediterranea), con un corretto apporto di calcio è in grado di prevenirne il rischio.

 

Le ossa umane sono composte da una serie di minerali tra cui magnesio, fosforo, zinco e calcio.

Il nostro corpo contiene circa 1000g di calcio, distribuiti principalmente nel tessuto osseo e, in misura minore, nel tessuto muscolare e nel plasma.

 

Per poter mantenere l’omeostasi (la capacità di autoregolazione, importantissima per mantenere costante l'ambiente interno nonostante le variazioni dell'ambiente esterno) occorre assumere una quantità di calcio pari a 1000mg al giorno, oltre ad avere una buona funzionalità degli ormoni che sono coinvolti nel suo metabolismo come la calcitonina, il paratormone, gli estrogeni, il cortisolo, il GH (l’ormone della crescita) e la vitamina D.

 

Secondo la SINU (Società Italiana di Nutrizione Umana), l’apporto di calcio indicato per le donne dai 18 ai 59 anni è di 800mg al giorno, mentre dai 60 anni in su è di 1000mg al giorno; lo stesso vale anche per gli uomini.

 

Il formaggio Asiago è un’ottima fonte di calcio, in entrambe le tipologie: mentre l’Asiago fresco per ogni 100g contiene 700mg di calcio, 100g di Asiago stagionato contengono addirittura 990mg di calcio, equivalenti a quasi tutto il fabbisogno giornaliero.

 

Oltre a essere una fonte di minerali preziosi, l’Asiago DOP garantisce un ottimo apporto di proteine ad alto valore biologico.

 

Ecco perché l’introduzione dell’Asiago DOP nella dieta delle persone anziane è importante: oltre a essere una fonte di minerali preziosi (come appunto il calcio), può garantire un ottimo apporto di proteine ad alto valore biologico, importantissime per il mantenimento sia del muscolo scheletrico che di quello cardiaco.

 

Il formaggio Asiago, abbinato a una dieta ricca di verdure, frutta, cereali integrali e legumi, è in grado di fornire un adeguato apporto di calcio, contribuendo così alla prevenzione dell’osteoporosi.

Asiago DOP in terza età: un valido aiuto contro l’osteoporosi

Tra i vantaggi che derivano dall’inserimento del formaggio Asiago nella propria dieta c’è senza dubbio l’importante apporto di calcio, fondamentale soprattutto durante la terza età, quando aumenta il rischio di osteoporosi.

 

Il formaggio Asiago è un’ottima fonte di calcio, in entrambe le stagionature.

 

L’osteoporosi è una malattia degenerativa delle ossa, caratterizzata da una progressiva riduzione del tessuto osseo. È una delle malattie più frequenti tra quelle che si presentano durante la terza età.

 

Ci sono diversi fattori, sia nutrizionali che ambientali, in grado di aumentare il rischio di osteoporosi, come ad esempio:

  • diete iperproteiche;
  • sedentarietà;
  • disturbi ormonali;
  • carenza di vitamina D;
  • peso corporeo (sovrappeso);
  • fumo;
  • consumo di alcool;
  • sesso (le donne presentano un rischio maggiore rispetto agli uomini).

Se, dunque, una dieta troppo ricca di proteine (come quella tipica dei Paesi industrializzati) aumenta il rischio di osteoporosi, una dieta basata sui vegetali (come la nostra dieta mediterranea), con un corretto apporto di calcio è in grado di prevenirne il rischio.

 

Le ossa umane sono composte da una serie di minerali tra cui magnesio, fosforo, zinco e calcio.

Il nostro corpo contiene circa 1000g di calcio, distribuiti principalmente nel tessuto osseo e, in misura minore, nel tessuto muscolare e nel plasma.

 

Per poter mantenere l’omeostasi (la capacità di autoregolazione, importantissima per mantenere costante l'ambiente interno nonostante le variazioni dell'ambiente esterno) occorre assumere una quantità di calcio pari a 1000mg al giorno, oltre ad avere una buona funzionalità degli ormoni che sono coinvolti nel suo metabolismo come la calcitonina, il paratormone, gli estrogeni, il cortisolo, il GH (l’ormone della crescita) e la vitamina D.

 

Secondo la SINU (Società Italiana di Nutrizione Umana), l’apporto di calcio indicato per le donne dai 18 ai 59 anni è di 800mg al giorno, mentre dai 60 anni in su è di 1000mg al giorno; lo stesso vale anche per gli uomini.

 

Il formaggio Asiago è un’ottima fonte di calcio, in entrambe le tipologie: mentre l’Asiago fresco per ogni 100g contiene 700mg di calcio, 100g di Asiago stagionato contengono addirittura 990mg di calcio, equivalenti a quasi tutto il fabbisogno giornaliero.

 

Oltre a essere una fonte di minerali preziosi, l’Asiago DOP garantisce un ottimo apporto di proteine ad alto valore biologico.

 

Ecco perché l’introduzione dell’Asiago DOP nella dieta delle persone anziane è importante: oltre a essere una fonte di minerali preziosi (come appunto il calcio), può garantire un ottimo apporto di proteine ad alto valore biologico, importantissime per il mantenimento sia del muscolo scheletrico che di quello cardiaco.

 

Il formaggio Asiago, abbinato a una dieta ricca di verdure, frutta, cereali integrali e legumi, è in grado di fornire un adeguato apporto di calcio, contribuendo così alla prevenzione dell’osteoporosi.

Hai domande?

Scrivile in una email a info@formaggioasiago.it e le trasmetteremo alla dott.ssa Papavasileiou. Le domande più frequenti troveranno risposta in un suo articolo.

Vieni a trovarci sui social, usa l’hashtag #AsiagoCheese
Loading...